CATEGORIE:
Psicologia
Lavoro
Studio
Coaching

Prendersi cura di sé stessi

È possibile prendersi cura di sé stessi?

Prendersi cura di sé stessi è forse la cosa più difficile da fare a questo mondo, eppure quando cominciamo a farlo a goderne non siamo solo noi ma anche chi ci sta attorno.
Perché prendersi cura di sé è così difficile? Perché probabilmente non l’hai mai fatto.
Magari sai occuparti benissimo della tua famiglia, dei tuoi cari, del tuo lavoro ma non di te. E questo significa che sai prenderti cura degli altri, ma che soffri perché ti manca la capacità di aver cura di te stesso.

Tantissime volte vedo persone che mi dicono:

“Sai Veronica, è mesi che guardo i tuoi video, 

leggo i tuoi post e ho il tuo numero ma ho sempre rimandato.. 

se avessi cominciato prima…”

Davvero non hai idea di quante volte senta questa frase, che da un lato mi fa sorridere per la sincerità,
dall’altra capisco quanto le persone siano spesso così limitate dal solo pensiero di cominciare a volersi un po’ più bene.

Perché prendersi cura di sé è così difficile?

Perché le cose sono sempre difficili quando le immagini e quando ancora le devi affrontare,
quando invece ci sei in mezzo e ti stai rimboccando le maniche la fatica viene meno e la soddisfazione si fa largo. Se non ti sei mai occupato di te stesso non sai nemmeno da dove cominciare, e non importa, va bene, ma inizia. Parti dal tuo corpo, dalla tua mente, dalle tue relazioni con gli altri e con te, ma parti. Inizia a volerti bene e ciò che è difficile non tarderà a diventare più semplice.
Hai mai pensato cosa ti viene più facile fare quando ti trovi ad affrontare dei problemi?
Cosa ti riesce invece più difficile? Lo sai vero che non sempre ciò che è facile fare coincide con ciò che è giusto per noi e viceversa?  Per esempio quando una persona non si sente bene, è insoddisfatta o incompleta sarà più facile per lei proseguire per quella strada, non perché sia sciocca ma perché è quella che ha sempre percorso, è questione di abitudine e le abitudini, anche se a volte ci fanno soffrire piacciono molto alla nostra testa. Risulta invece molto difficile iniziare ad occuparsi di sé stessi se non lo si è mai fatto a dovere.
Ma sarà difficile solo finché non inizierai a farlo.
Lo scalino difficile da salire quindi è quello di iniziare a fare.

Cos’ è più facile del prendersi cura di sé stessi?

Proviamo a vedere insieme
cos’è più facile (❌)
e cosa è più difficile (✅) fare:

– ❌ incolpare i genitori, il partner, gli amici, il lavoro,
il fato ecc per la condizione in cui si vive e del fatto che non si ha abbastanza tempo per prendersi cura di sé stessi.
Incolpando gli altri e il mondo facciamo apparentemente meno fatica ma rendiamo la vita difficile
a noi e a chi ci sta attorno. E soprattutto non ci prendiamo cura di noi stessi.

– ✅ assumersi la responsabilità delle proprie azioni,
dei propri insuccessi e successi per far cambiare la situazione. Così facendo iniziamo a spostare il focus su di noi e a prenderci cura di noi stessi.

Scopriremo che il segreto per rendere il “prendersi cura di sé stessi” più facile è cominciare e ciò che prima era difficile diventa semplice, se fatto un passetto alla volta e che se anche
le condizioni fino ad ora non sono state favorevoli io posso renderle tali. 
Quando smetti di incolpare gli altri, il fato,il tuo malessere, la tua condizione, te stesso e smetti di sentirti sfortunato per ciò che ti è successo inizi a liberare un prigioniero, e quel prigioniero sei tu!
Prendersi cura di sé stessi non sé così complicato, è semplicemente complicato continuare a pensarci senza farlo mai.

Prendersi cura di sé stessi equivale ad essere egoisti?

Credo tu conosca già la mia risposta. No. Un conto è non interessarsi agli altri, essere disposti a calpestarli pur di raggiungere i propri obiettivi, un conto è occuparsi di sé stessi e volersi più bene. Ovvio che sto parlando di due cose completamente diverse non credi?
Occuparsi di sé stessi equivale a volersi bene, sapersi prendere del tempo da soli o con gli altri, significa sapere nutrire la propria mente di contenuti e comportamenti positivi che fanno bene alla mente, all’anima e alle relazioni con gli altri. Proprio così, quindi se vogliamo proprio dire che questo è egoismo allora lo chiamiamo sano egoismo. Perché? Perché se so occuparmi di me stesso sto bene, vivo in pace o almeno ci provo e chi mi sta attorno starà meglio in mia compagnia, perché sarò più predisposta al dialogo, a fare un sorriso, ad esser gentile. Credi ancora che occuparsi di sé stessi sia egoismo? Sono certa di no, ottimo, passiamo al prossimo punto.

Quando prendersi cura di sé stessi?

Sempre e subito. Vedi il fatto è che più si pensa e più si rimanda, più pensi e più il problema ti fa paura e si fa grande nella tua testa.

Prendersi cura di sé stessi equivale rispettarsi, e saper rispettare non solo sé stessi ma anche gli altri. Significa amarsi ed essere in grado di farsi amare, anzi Amare. Saper prendersi cura di sé stessi fa parte di un sano egoismo che ci aiuta ad essere dei sani altruisti. Perché se do solamente e non mi ricarico mai finisce che non ho più nulla da dare. Quindi se voglio essere un a sana altruista devo essere una sana egoista. E come faccio? Prendendomi cura di me stessa. Semplicemente perché hai cominciato a farlo. Ti ci sei dedicato. Hai preso il toro per le corna e ormai sei partito.

Hai mai monitorato quanto tempo ci metti a pensare ad una cosa e quanto in realtà poi impieghi a farla?
Spesso perdi tantissimo tempo a decidere o a decidere di non decidere.

Come prendersi cura di sé stessi

Partiamo dal fatto che anche tu al tuo interno tu hai tutti i numeri e le carte in regola per poterti occupare di te stesso. Pertanto non ti serve nulla che tu non abbia, però è possibile che ti serva, come la chiamo io, una valigetta degli attrezzi per iniziare a farlo.
Prova a pensarci bene, se non ti sei mai occupato di te non sai come fare, magari c’hai pure provato nel tempo ma non ci sei mai riuscito e forse per questo ti serve un aiuto nel farlo.
Insomma quando io ho imparato a guidare, pur avendo le potenzialità per farlo, non ho di certo imparato da sola, mi sono rivolta ad un istruttore di scuola guida, e a mio padre (santa pazienza).
La valigetta degli attrezzi di cui parlo serve a questo, anche se hai tutte le possibilità di questo mondo, a volte da solo non ce la fai, e allora che fai? Ti fai insegnare, a come prenderti cura di te stesso. E lo so che sembra strano, ma se fino ad ora da solo non ci sei riuscito fatti dare due dritte, col tempo svilupperai le tue potenzialità e una volta che si impara a prendersi cura di sé stessi non si smette perché come ti dicevo a beneficiarne sarai tu ma anche chi ti sta attorno.

Iniziare a darsi da fare, nel modo corretto,
è un primo gesto d’amore verso sè stessi.

A presto,
Veronica

 

“Impara a piacere a te stesso. Quello che pensi tu di te stesso è molto più importante di quello che gli altri pensano di te. ” Seneca

Prendersi cura di sé stessi

Prendersi cura di sé stessi

CATEGORIE: Psicologia Lavoro Studio Coaching Prendersi cura di sé…
Ansia: cos’è e come riconoscerla

Ansia: cos’è e come riconoscerla

CATEGORIE: Psicologia Lavoro Studio Coaching Ansia: cos'è e come…
Psicologo e la Psicoterapia Online

Psicologo e la Psicoterapia Online

CATEGORIE: Psicologia Lavoro Studio Coaching Psicologo e la Psicoterapia…