Obiettivi: saperseli porre

  • -

Obiettivi: saperseli porre

Porsi degli obiettivi: Questo è il problema!

Sai porti degli obiettivi lavorativi? 

Obiettivi

Ni?? ottimo sei nel posto giusto!
La maggior parte delle volte che tengo corsi di formazione sulla valorizzazione delle risorse personali, trovo di fronte a me persone che faticano a focalizzare il loro obiettivo.
Il problema spesso risiede proprio in questo stadio.
Eppure devi sapere è che: definire un obiettivo in modo chiaro è anche quello che ti permetterà di raggiungerlo al meglio e se vogliamo nel “minor” tempo possibile.

Seneca diceva: “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.”

Perché?
Perché definire con chiarezza gli obiettivi permette di ridurre la dispersione delle energie mentali e fisiche. Prova a ragionarci con me.
Quante volte al giorno pensi che vorresti fare qualcosa ma non sai bene cosa, come, quando ecc?
Quanto questo continuo pensare ti stanca mentalmente?
Oppure quanto ti stanca fisicamente continuare a vagare alla ricerca di non sai nemmeno tu che cosa?
Solitamente le persone che vogliono raggiungere un obiettivo e non ci riescono si collocano in una di queste tre posizioni o presentano un quadro misto:

Tipologia “tutto fa brodo”: Queste persone continuano a pensare a cosa dovrebbero fare e/o continuano a fare ma senza sapere fondamentalmente cosa fanno. Con il risultato che, in breve tempo, esauriscono tutte le energie di cui dispongono.
Tipologia Statuetta di marmo: Davanti al solo pensiero di dover intraprendere una nuova strada, anche se vorrebbero, si congelano, si paralizzano. Con il risultato che stanno sempre lì fermi a guardare gli altri arrivare dove loro non sono riusciti ad arrivare.
Tipologia Struzzo: Questo gruppo di persone fa finta di non sentire, anche se sente, procrastina, rinvia e alla fine viene sopraffatto dagli eventi e non combina nulla.

La mente si sa è economica e se rientri in una di queste tre tipologie sappi che lei continuerà a riproporti le stesse tentate soluzioni già provate mille volte.

Obiettivi: definiscili

Aggira quindi l’ostacolo e invece di fare troppo, di paralizzarti o di procrastinare prova a farti questa domanda magica:

“Cosa dovrebbe cambiare nel tuo lavoro perché la situazione diventasse quella desiderata?”

Prova a porti questa domanda per un po’ di tempo e vedrai che il tuo obiettivo piano piano prenderà forma.

Dopodiché ricorda che se procrastinare non è mai una buona cosa non lo è nemmeno fare le cose di fretta. A tal proposito ti ricordo questa frase di Napoleone:
“Siccome ho molta fretta, vado piano

e se può esserti utile, contattami!